German English Italiano

  :::Home  :::photo gallery  :::localizzazione  :::info e contatti :::area privata

  Presentazione del progetto

Villabianca, territorio e cultura

Villabianca, aziende locali

Villabianca, sport e benessere

Presentazione tecnica

 
 


Presentazione tecnica > Introduzione

La progettazione del nuovo intervento edificatorio è fondata sull’analisi del paesaggio esistente, che viene identificato quale elemento di riferimento su cui incentrare gli sforzi per migliorare la qualità del territorio in cui si intende operare.

La peculiarità della proprietà in oggetto sta nell’essere situata nell’estrema pendice del Comune di Marano sul Panaro, dipendendo pertanto a livello amministrativo da tale amministrazione, ma su una sorta di poggio affacciato direttamente su Castelvetro di Modena, con il quale è collegata direttamente da strada comunale, e raggiungibile in pochi minuti.
Ulteriore elemento di unicità è rappresentato dalla previsione di nuova edificabilità – che verrà sviluppata nel nuovo borgo – al di là della quale non esistono altre realtà similari.

La progettazione in oggetto considera il paesaggio nella sua accezione più ampia, ponendo l’accento non più sui singoli immobili o sulle singole aree che presentino valori estetici di particolare bellezza, bensì sull’ambito di insieme che costituisce espressione della storia, della cultura e della natura del luogo.

Pertanto, l’intervento complessivo, che ricomprende il recupero e la ristrutturazione del borgo antico e degli insediamenti di origine rurale, nonché la nuova edificazione, è improntato ai seguenti criteri:

  • mantenimento delle caratteristiche, dei valori costitutivi e delle morfologie, tenendo conto delle tipologie architettoniche, nonché delle tecniche e dei materiali costruttivi tradizionali;

  • compatibilità e sostenibilità con i diversi livelli di valori riconosciuti in modo da non diminuire il pregio paesistico del territorio, con particolare salvaguardia della compagine vegetazionale e delle aree agricole;

  • creazione di un rinnovato valore paesistico, il nuovo borgo, coerente ed integrato con il valore preesistente, il vecchio borgo, anch’esso oggetto di recupero urbanistico-edilizio.

Dal punto di vista naturalistico-ambientale, l’idea progettuale si ispira a criteri di minimo impatto nel contesto in cui si opera - trecento metri di altitudine in una posizione ottimale per la salubrità dell’aria e per il paesaggio - e privilegia soluzioni impiantistiche e logistiche finalizzate al risparmio idrico ed energetico, all’utilizzo di fonti rinnovabili e improntate ai principi della bioedilizia.

Tali criteri progettuali ed operativi sono strettamente correlati ai peculiari caratteri dell’area in oggetto, inserita in un ambito paesaggistico di riferimento caratterizzato dalla presenza di ampie aree agricole coltivate a vigneto e a seminativo, da boschetti in parte già esistenti ed in parte creati direttamente dalla proprietà a tutela del crinale, dalla presenza di bacini d’acqua utilizzati a scopi agricoli e di calanchi che durante la stagione primaverile ed estiva si ricoprono dei fiori gialli delle ginestre.

Dal punto di vista storico, la zona è caratterizzata prevalentemente dalla presenza della chiesa parrocchiale di S. Geminiano Vescovo e dall’insediamento di origine rurale – il vecchio borgo – che ruota intorno ad essa, fulcro dell’intera frazione di Villabianca.
In una visione più ampia, sono da considerare dal punto di vista paesaggistico gli insediamenti rurali, sia quelli non più operativi, sia quelli ancora abitati ed in attività.

In funzione dei valori di tipo storico-architettonico, l’idea progettuale in oggetto si sviluppa sul concetto di borgo, intendendo realizzare con la nuova edificazione il naturale ampliamento di quello esistente, in coerenza e continuità con esso mediante un’opera di riassetto degli spazi aperti e dei percorsi carrabili e pedonali, nonché della compagine vegetazionale, al fine di rafforzare l’immagine, i valori di socialità e l’identità del contesto paesaggistico di riferimento.

La pluralità delle tipologie degli insediamenti che fanno capo alla Proprietà Misley - esistenti ed in previsione – consente di proporre soluzioni molteplici, tra loro complementari, ovvero:

- borgo antico = più presenze in un contesto storico “raccolto”;
- borgo nuovo = più presenze con superfici maggiormente flessibili;
- insediamenti di origine rurale sul crinale = volumi ed aree verdi di rilevante estensione.


  >> Introduzione

La progettazione del nuovo intervento edificatorio è fondata sull’analisi del paesaggio esistente, che viene identificato quale elemento di riferimento su cui incentrare gli sforzi per migliorare la qualità del territorio in cui si intende operare...segue

  >>Le fasi del progetto

...L’intervento che si propone ha quali finalità la rivitalizzazione del borgo ed il recupero del suo valore storico-culturale, mediante un intervento organico edilizio e di rifunzionalizzazione a residenza degli edifici di proprietà Misley...segue

  >>Recupero
     e nuova edificazione

Il recupero e la ristrutturazione a fini residenziali degli edifici esistenti nel borgo antico seguiranno le tecniche edilizie previste per interventi di tipo conservativo, di cui tali edifici sono oggetto, ....segue

  >>Le  soluzioni tecniche

..gli impianti di riscaldamento saranno realizzati a pavimento, con un unico impianto per la produzione di energia (elettrica e gas) da fonti energetiche alternative e rinnovabili  - biomasse ...segue

  >>Disegni e planimetrie

  

  >> Simulazioni 3D